In questo articolo, ti parlerò di un nuovo modo di considerare la noia. Ti aiuterò a considerare la noia un elemento fondamentale della tua crescita personale.

In questa pratica Guida, ti svelerò come introdurre la noia nelle tue giornate per generare creatività e nuove idee.

Non voglio spoilerarti altro, quindi cosa stai aspettando?

Iniziamo!

Noia, perfetta sconosciuta

Nel contesto attuale nel quale viviamo è sempre più difficile trovare dei momenti per annoiarsi.

Trascorriamo intere giornate saltando da una task all’altra senza sosta, giocando a fare wonder woman cercando di occupare ogni buco della nostra giornata.

Tutto questo per essere iper produttive.

Ci hanno insegnato a correre, ci hanno insegnato a dare sempre il massimo, ad accellerare le tappe per essere sempre più brave, più forti, più intelligenti.

Sempre di corsa, cerchiamo di far quadrare la nostra vita privata e professionale, facendo i salti mortali per non sprecare nemmeno un attimo della nostra esistenza.

Eccco, sprecare è proprio la parola giusta.

Siamo cresciute con l’idea e la convinzione che annoiarsi fosse sbagliato. 

Probabilmente anche a te sarà capitato da piccola di iniziare a fare i compiti di scuola subito dopo aver mangiato, perché poi dovevi correre in piscina o al corso di danza. 

Poi di nuovo di corsa a casa per cenare velocemente per poi andare a dormire presto perché il giorno dopo non potevi rischiare di far tardi a scuola.

Tutti gli impegni dovevano essere gestiti nell’arco di una giornata un po giocando a Tetris.

Ammettilo, continui a gestire le tue giornate in questo modo vero?

Scommetto che ogni giorno vorresti dedicare almeno un’ora al tuo allenamento o alla tua lezione quotidiana di yoga, studiare per almeno una o due ore il fantastico nuovo corso di Marketing o Filosofia che hai scoperto ieri su Instagram, pulire casa e sistemare tutto (perché l’ordine aiuta la concentrazione) e nel frattempo anche lavorare 8 ore partecipando ad almeno due riunioni (sì, anche io odio perdere tempo durante le riunioni).

Ah, dimenticavo.

Ovviamente ogni giorno vorresti anche dedicare almeno mezz’ora ad una passeggiata rigenerante nella natura e un’altra mezz’oretta ad informarti su quello che sta succedendo nel mondo.

E magari anche chiamare tua madre, tuo padre, tua nonna e la tua migliore amica disperata per la sua storia d’amore appena finita.

E per chiudere in bellezza, leggere almeno 10 pagine del nuovo libro che hai comprato.

donna impegnata e multitasking, con il cellulare in mano, un telefono all'orecchio e il computer davanti
Quanto ti senti figa a dire che sei multitasking? 🙂

Poi dopo una giornata di questo tipo fare un bel sonno rilassante (beata te che ci riesci dopo tutto questo caos!) e ricominciare esattamente di corsa anche il giorno dopo.

E poi magari posto assicurato alla Neuro! 

Che ne pensi?

Immagino che tu stia sorridendo.

Diciamocela tutta, se sei su questo Blog è perché hai qualcosa in comune con me. E a questo punto direi purtroppo o per fortuna. 🙂 

Ammetto le mie colpe, faccio esattamente come te.

Da stakanovista e multipotenziale, trascorro le mie giornate con la voglia di non sprecare nemmeno un secondo.

Pensa che ho anche comprato un’agenda settimanale pazzesca proprio per riuscire a programmare ogni ora della mia giornata per riuscire a non sprecare il mio tempo.

Ammettilo, anche tu hai raccontato al mondo con orgoglio la tua bravura come multitasker professionista. 

Potrei scommettere 100 € che è capitato anche a te almeno una volta di dire questa frase:

Sono una donna, sono multitasking!”.

Amica cara, oggi distruggerò la tua gioia probabilmente.

Ma devo farlo. Per il tuo bene. E anche per il mio.

Essere multitasking ci porterà alla rovina.

E non è una frase disfattista ed eccessivamente melodrammatica.

E’ la pura verità.

Immagina il tuo cervello in azione mentre passa da un task all’altro della tua giornata super impegnata.

Mentre stai preparando la tua colazione seguendo precisamente le dosi previste dalla tua dieta (perché sicuramente sei a “dieta” da sempre, come me e come tante altre nostre care amiche), stai ascoltando un fantastico podcast sull’Imprenditoria digitale o sul Marketing e nel frattempo starai pensando anche che devi chiamare tua madre o che devi decidere cosa indossare per andare a lavoro.

In quell’esatto momento, il tuo cervello vuole suicidarsi.

Immagina il tuo cervello che decide di fare le valigie e scappare dalla tua testa.

Ti starai chiedendo perché.

Perché è stanco.

Lo stai sottoponendo ad uno sforzo immenso: gli stai chiedendo di fare contemporaneamente mille cose, molto diverse tra loro. In pochi minuti.

Di corsa, ovviamente, perchè tu hai fretta.

Noia: quando è stata l’ultima volta?

Quando è stata l’ultima volta che ti sei davvero annoiata?

Che hai trascorso un intero pomeriggio sul tuo divano senza far nulla?

Per nulla intendo nulla.

Niente.

Senza cellulare, scrollare la tua Home di Facebook, senza guardare le foto di perfetti sconosciuti su Instagram. Senza controllare le email in maniera spasmodica.

Un intero pomeriggio senza fare niente.

Forse nemmeno te lo ricordi.

Lo ammetto, anche io ho serie difficoltà ad annoiarmi.

Anche io mi sento in colpa quando sto senza fare nulla. Quelle poche volte in cui mi succede passo il tempo a pensare che sto sbagliando, che non dovrei farlo e che dovrei darmi una mossa ed iniziare a fare qualcosa tra le mille cose che dovrei fare.

Immagino la tua faccia e il tuo sorriso in questo momento.

So che capita anche a te.

Ma non disperare.

A tutto c’è una soluzione.

Non ti venderò formule magiche, la soluzione sarà davvero tale solo se tu deciderai di impegnarti concretamente per realizzarla.

Cambia prospettiva.

La noia aiuta ad alimentare la tua creatività, a ristabilire un contatto con la tua vera essenza.

I filosofi del passato elogiavano la noia, raccontavano degli immensi benefici del dolce far niente.

Stare ore senza occupare la propria mente con device elettronici, con nuove attività, con la voglia spasmodica e incontrollata del fare.

Sembra assurdo da dire, ma la noia non sempre deve essere combattuta.

Il vero problema sta nell’affogare la propria noia in abitudini scorrette, nel cibo, nell’eccessiva esposizione a fonti di informazione negative o stressanti, nelle relazioni tossiche, nei rapporti senza senso.

Il vero passo in avanti verso la crescita sta nel vedere la noia e il dolce far niente come una tappa importante del tuo percorso di crescita personale. Proprio come l’introspezione o lo sviluppo di una nuova competenza.

Anche l’arte della noia va allenata per entrare a far parte della tua vita, soprattutto se sei solita far trascorrere le tue giornate tra impegni e nuove attività.

Inizia oggi

Non aspettare altro tempo.

Guarda il lato positivo e abbandona il senso di colpa: stai facendo qualcosa di estremamente positivo per te stessa e per la tua creatività.

In questo modo, aiuterai la tua mente a godere del rilassamento al cento per cento, a prendere coscienza di sé e a creare spazio.

E’ dallo spazio che nasce la creatività.

Quando ti allontani dalla frenesia e permetti al cortisolo di diminuire, dai il via al rilassamento e alla tua rinascita.

So che può essere difficile, ma inizia.

Piano piano, ottenendo nuovi benefici abbandonerai anche il senso di colpa.

E potrai dare il via alla tua rinascita.

Non sai come iniziare ad annoiarti? Ti lascio questo video che ho girato durante il mio ultimo viaggio in Africa, uno dei viaggi più belli della mia vita.

Alza il volume dell’audio, ascolta il rumore delle onde e goditi uno dei tramonti più belli mai visti.

Poi spegni il cellulare e goditi “la noia”.

E se invece ti stai annoiando e non ne puoi più, spero che questo video possa aiutarti a guardare alla tua noia da una nuova prospettiva. 

Mi piacerebbe conoscere il tuo punto di vista e le tue soluzioni per praticare l’arte della noia.

Condividile nei commenti o inviami una email per approfondire il tema in privato. Tengo tanto alla tua opinione.

Ti aspetto nei commenti o nella mia email,

Buona noia,

Un abbraccio,

Marianna

Ps. pensi che questo articolo possa essere utile alle tue amiche, sorelle, colleghe, conoscenti e a donne che ancora non conosci? 🙂

Aiutami a diffonderlo online! Basta cliccare sui pulsanti qui sotto per condividere l’articolo sui tuoi profili social. Grazie <3

Entra a far parte della Community

Accedi a contenuti esclusivi, Guide, Template e tanto altro per iniziare il tuo percorso di Crescita personale e professionale a 360°. Tranquilla, so che il tuo tempo è importante. E odio lo spam. 🙂

Chi sono

Ciao, sono Marianna Gaito e sono l’amica che crede in te.
Nel mio blog condivido trucchi e strategie di crescita personale e professionale per donne ribelli che vogliono cambiare il mondo.
Il mio sogno è far comprendere a quante più donne possibili il grande potenziale che ognuna di noi ha dentro di sé.

Ti potrebbe piacere:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *